Nigerland, piccola storia di una ong italiana in Niger

“NIGERLAND, Piccola storia di una ong in Niger” è una web-serie realizzata per raccontare i nostri progetti in Niger, per mostrare come CISV lavora nel Paese con le persone locali e quali risultati raggiunge.

Guarda la prima puntata

Vai al nostro canale youtube e segui tutte e sei le puntate!
CLICCA QUI

Con 60 € aiuti le donne ad acquistare una pecora o una capra
con 100 € contribuisci a scavare il pozzo per l’installazione di una pompa solare
con 150 € contribuisci alla sistemazione di un orto
 

Contribuisci anche tu allo sviluppo del Niger,
DONA ORA


QUAL È LA SITUAZIONE DEL NIGER OGGI?

CISV lavora in tre diverse regioni molto popolose del Niger, Regioni di Zinder, di Tillabery e di Niamey, caratterizzate da un forte esodo dalle campagne verso le città, ma anche verso l’Europa, da parte dei giovani di età compresa fra i 15 e i 29 anni, e dove il tasso di crescita è uno dei più alti al mondo (3,85%).

L’istruzione scolastica è bassa; la disoccupazione è molto diffusa; l’agricoltura e l’allevamento, settori primari nell’economia del Paese, necessitano di innovazioni tecnologiche e miglioramenti tecnici e prospettive commerciali organizzate.
Inoltre la zona di intervento del progetto CISV è desertica: la siccità, in particolare nei mesi tra novembre e maggio, spinge gli uomini e i giovani a migrare altrove in cerca di lavoro, sia nei Paesi confinanti come Benin, Mali, Nigeria, sia verso l’Europa. I cambiamenti climatici hanno accentuato le criticità della zona e da decenni si susseguono crisi alimentari.

La scarsità d’acqua è causa di una bassa redditività agricola: nella zona c’è un ridotto uso di sistemi di irrigazione e i produttori utilizzano soprattutto metodi di irrigazione manuale, mentre l’introduzione di sistemi irrigui con pompe a motore permette un sensibile miglioramento della resa per ettaro delle colture e un aumento dell’80% del reddito per ettaro dei produttori.

> Leggi la storia di Michel, Biko, Evelyn, costretti in una terra di mezzo, senza speranza, https://bit.ly/2CEF4bI di Marco Bello.

> Leggi anche “Niger, crocevia di migrazioni” di Sara Fischetti sul blog nostro https://bit.ly/32N17rf

COSA FA CISV IN NIGER?

L’obiettivo dei progetti è lo sviluppo socio-economico della zona, attraverso la creazione di opportunità di lavoro e attività generatrici di reddito soprattutto per i giovani, per combattere la disoccupazione e la conseguente migrazione forzata.

CON CHI LAVORA CISV IN NIGER?

I destinatari principali delle azioni del progetto sono le famiglie rurali, in particolare i giovani nigerini disoccupati a rischio di emigrazione presenti o in transito sul territorio da un lato, e dall’altro le donne su cui grava il peso del sostegno di tutta la famiglia, che possono diventare imprenditrici in agricoltura o allevamento.
I beneficiari complessivi del progetto sono 50.000 persone circa.
In particolare:
– gli uomini e le donne potranno avere accesso alla terra, ad una formazione specifica in tecniche agricole e all’uso tecnologie innovative in agricoltura;
– le donne potranno dedicarsi all’allevamento famigliare di pecore e capre;
– le famiglie potranno avere a disposizione punti di accesso all’acqua potabile e utilizzare pompe per l’irrigazione dei campi, coltivati a ortaggi e cipolle

CHE ATTIVITÀ REALIZZA CISV IN NIGER?

Le azioni si sviluppano su tre ambiti:
– formazione alla micro-impresa in agricoltura e allevamento e all’utilizzo di nuove tecnologie (energia solare e produzione mangimi)
– sostegno alla creazione di micro imprese di produzione di ortaggi
– appoggio alla creazione di micro imprese femminili nell’allevamento

La attività principali sono:
– Installazione di pozzi per avere accesso all’acqua potabile. Questi pozzi hanno un diametro di 12 cm e si presentano come un tubo di plastica affiorante dal terreno che pesca l’acqua fino a 12 metri di profondità. In ogni pozzo si cala un tubo di ispirazione di una motopompa che garantisce il pompaggio dell’acqua per irrigare i terreni.
– Realizzazione di campi da coltivare che saranno sistemati, recintati e perforati per l’installazione dei pozzi e successiva coltivazione a ortaggi
– Creazione di micro imprese di produzione di ortaggi, con relativo sviluppo del circuito commerciale locale per incrementare le vendite dei prodotti
– Creazione di micro imprese femminili di allevamento di pecore e capre e formazione su allevamento, nutrizione, sanità, igiene e gestione economica dell’attività. 100 giovani donne vulnerabili riceveranno un finanziamento per la costruzione delle infrastrutture di base per avviare le attività e per l’acquisto degli animali (3 pecore e 3 capre ciascuna)

I progetti CISV in Niger sono finanziati dal Ministero dell’Interno.

> Sostienici anche tu, DONA ORA

> Vuoi partecipare alle nostre proposte? PARTECIPA

> Hai curiosità? SCRIVICI a info@cisvto.org